imitatore

s.m. [f. -trice] chi imita: un poeta che ha avuto molti imitatori ' attore che imita con particolare abilità voci o rumori agg. (non com.) che imita.

gongorista

agg. di, relativo al gongorismo s.m. e f. [pl. m. -sti] imitatore o studioso di gongora. 

leggi

marinista

s.m. e f. [pl. m. -sti] seguace o imitatore di g. b. marino e del suo stile letterario. 

leggi

manzoniano

agg. di a. manzoni (1785-1873): opere manzoniane s.m. [f. -a] imitatore di manzoni; anche, seguace del manzonismo, della teoria linguistica di manzoni. 

leggi

rossiniano

agg. del musicista gioacchino rossini (1792-1868); che è proprio della sua musica, del suo stile: il crescendo rossiniano s. m. imitatore o ammiratore di gioacchino rossini. 

leggi

pariniano

agg.  (1) [f. -a] del poeta giuseppe parini (1729-1799), o relativo alla sua opera: ironia , satira pariniana  (2) che si ispira allo stile, alle idee del parini s.m. seguace, imitatore del parini. 

leggi

pucciniano

agg. del musicista italiano giacomo puccini (1858-1924) o che si riferisce al suo stile, alla sua opera s.m. [f. -a] ammiratore, seguace, imitatore di g. puccini. 

leggi

imitabile

agg. che può essere imitato; che si imita facilmente. 

leggi

imitare

v. tr. [io ìmito ecc.] (1) prendere a esempio, seguire come modello qualcuno, in generale o in qualche sua caratteristica o espressione specifica: imitare un artista ; un allievo che imita il maestro ; molti poeti rinascimentali imitarono lo stile del petrarca  (2) copiare, riprodurre nel modo che più si approssima all'originale: la scimmia imita i gesti dell'uomo ; imitare le voci ; imitare la firma di qualcuno , contraffarla (3) detto di cosa, essere d'aspetto simile a un'altra:...

leggi

imitativo

agg.  (1) che imita, che tende a imitare (2) (ling.) onomatopeico, fonosimbolico: «abbaiare» è voce imitativa.  

leggi

imitatorio

agg. (non com.) imitativo. 

leggi

imitazione

s.f.  (1) l'imitare, l'essere imitato: l'imitazione dei classici nell'umanesimo | imitazione servile , (dir.) tipo di concorrenza sleale che commette chi, nella produzione di un bene, imita pedissequamente le caratteristiche di un prodotto altrui (2) riproduzione di suoni, voci o gesti fatta da attori: esibirsi in alcune imitazioni  (3) oggetto, prodotto che imita qualcosa di diverso e gener. di più pregiato: una perfetta imitazione del marmo | contraffazione, falso: è una...

leggi

Sitemap