imitazione

s.f.

1.  l'imitare, l'essere imitato: l'imitazione dei classici nell'umanesimo | imitazione servile , (dir.) tipo di concorrenza sleale che commette chi, nella produzione di un bene, imita pedissequamente le caratteristiche di un prodotto altrui

2.  riproduzione di suoni, voci o gesti fatta da attori: esibirsi in alcune imitazioni

3.  oggetto, prodotto che imita qualcosa di diverso e gener. di più pregiato: una perfetta imitazione del marmo | contraffazione, falso: è una volgare imitazione

4.  (mus.) procedimento consistente nel richiamare con una voce dell'ordito polifonico un disegno musicale intonato prima da un'altra voce; è alla base dello stile contrappuntistico.

anglomania

s.f. ammirazione e imitazione esagerata di tutto ciò che è inglese. 

leggi

faentina

s.f. ceramica di faenza o eseguita a imitazione di quelle di faenza. 

leggi

bernesca

s.f. componimento giocoso in terza rima, a imitazione di quelli composti dal berni. 

leggi

germanesimo

s.m. la cultura, la civiltà germanica nel suo complesso | imitazione di un tratto peculiare della tradizione germanica. 

leggi

dantismo

s.m.  (1) studio, culto, imitazione di dante (2) parola coniata da dante o da lui usata in un'accezione nuova: «immiarsi, intuarsi, tetragono» sono dantismi.  

leggi

manzonismo

s.m.  (1) teoria linguistica di a. manzoni che propugnava l'uso del fiorentino parlato dalle persone colte come lingua nazionale | l'applicazione di tale teoria nelle opere letterarie (2) imitazione dello stile manzoniano. 

leggi

frale

ant. fraile, agg. (poet.) fragile: lungi dal proprio ramo, / povera foglia frale, / dove vai tu? (leopardi imitazione 1-3) s.m. (poet.) il corpo umano in quanto caduco, contrapposto all'anima immortale § fralemente, fralmente avv.  

leggi

imitabile

agg. che può essere imitato; che si imita facilmente. 

leggi

imitare

v. tr. [io ìmito ecc.] (1) prendere a esempio, seguire come modello qualcuno, in generale o in qualche sua caratteristica o espressione specifica: imitare un artista ; un allievo che imita il maestro ; molti poeti rinascimentali imitarono lo stile del petrarca  (2) copiare, riprodurre nel modo che più si approssima all'originale: la scimmia imita i gesti dell'uomo ; imitare le voci ; imitare la firma di qualcuno , contraffarla (3) detto di cosa, essere d'aspetto simile a un'altra:...

leggi

imitativo

agg.  (1) che imita, che tende a imitare (2) (ling.) onomatopeico, fonosimbolico: «abbaiare» è voce imitativa.  

leggi

imitatore

s.m. [f. -trice] chi imita: un poeta che ha avuto molti imitatori ' attore che imita con particolare abilità voci o rumori agg. (non com.) che imita. 

leggi

imitatorio

agg. (non com.) imitativo. 

leggi

Sitemap