velo

s.m.

1.  tessuto finissimo e trasparente di seta o cotone: velo rado , fitto , liscio , operato ; una camicetta di velo ; il velo della sposa ; coprirsi il capo con un velo

2.  drappo che ripara o cela qualcosa: il velo del tempio , quello che nel tempio di gerusalemme separava il sancta sanctorum, dove non entrava nessuno, dal santuario, riservato ai sacerdoti; velo del calice , pezzo quadrato di tessuto del colore liturgico del giorno, che copriva il calice all'inizio e alla fine della messa; velo umerale , drappo di seta bianca che il sacerdote si mette sulle spalle e che gli ricopre le mani quando porta l'ostensorio o la pisside; velo religioso , quello che portano sul capo le suore o le monache ' prendere il velo , (fig.) farsi suora o monaca | deporre , lasciare il velo , (fig.) di suora o monaca, abbandonare lo stato religioso

3.  strato molto sottile che ricopre qualcosa (anche fig.): un velo di nebbia , di fumo ; spargere sulla torta un velo di zucchero ; un velo di lacrime gli annebbiava la vista ; c'è nei suoi occhi un velo di tristezza | zucchero a velo , finissimo, usato per spolverare dolci

4.  (fig.) ciò che impedisce la vera conoscenza di qualcosa: rompere il velo di mistero che circonda un avvenimento | far velo , impedire di vedere le cose come realmente sono: la passione gli fa velo | cadere il velo dagli occhi a qualcuno , si dice con riferimento a persona cui si manifesti improvvisamente una verità, per lo più sgradevole, rimasta a lungo invisibile: a quelle parole gli cadde il velo dagli occhi | stendere un velo su qualcosa , dimenticarla, non parlarne più ' stendere un velo pietoso su qualcosa , tacere particolari troppo dolorosi, narrando un fatto, per non ferire chi ascolta | dire la verità senza veli , in modo chiaro ed esplicito, senza attenuarla

5.  (fig.) apparenza ingannevole: nascondere il proprio egoismo sotto , dietro un velo di generosità

6.  (poet.) il corpo, in quanto racchiude e nasconde l'anima: il velo mortale ; te solo aspetto, e quel che tanto amasti / e là giuso è rimaso, il mio bel velo (petrarca canz. cccii, 10-11)

7.  tessuto di crine che si tende sulla intelaiatura di un setaccio

8.  (anat.) lamina muscolo-membranosa che pende dal fondo del palato e separa la bocca dalle fosse nasali: velo palatino , pendulo

9.  membrana che avvolge qualcosa: il velo della cipolla , la sottile squama che avvolge il bulbo; velo totale , parziale dei funghi , membrana biancastra che ricopre alcuni funghi interamente o limitatamente al cappello

10.  (sport) nella pallacanestro, azione consistente nel mettersi davanti all'avversario per ostacolarlo nei movimenti o impedirgli la visuale | nella pallavolo, disposizione che i giocatori della prima linea assumono quando il compagno effettua la battuta, al fine di impedire agli avversari di vedere la traiettoria della palla | far velo , nel calcio, ingannare l'avversario fingendo di intervenire sulla palla e lasciandola invece a un proprio compagno.

velare

v. tr. [io vélo ecc] (1) coprire con un velo, con un drappo o altro, per nascondere, proteggere, ornare ecc.: velarsi il volto ; velare un quadro ; e noi di sacra e di festiva fronde / velammo i templi il dì, miseri noi! (caro) | velare una luce , schermarla (2) (estens.) coprire con uno strato sottile simile a un velo: la nebbia vela la campagna ; le lacrime le velavano gli occhi | velare un colore , distendere uno strato di colore su un altro più intenso per modificarne...

leggi

vela

s.f.  (1) ampia tela di canapa rinforzata e variamente sagomata che si applica agli alberi o ai pennoni di un'imbarcazione e che, opportunamente manovrata, consente di sfruttare il vento ai fini della propulsione: barca a vela ; vela quadra , a forma di rettangolo o trapezio; vela di taglio , quella che viene a trovarsi nel senso poppa-prora, inferita a una verga obliqua o a un cavo fisso; vela triangolare o latina , di taglio, con il lato prodiero inferito a un'antenna; vela aurica , di...

leggi

velabile

agg. (non com.) che può essere velato. 

leggi

velacciere

s.m. (mar.) veliero a tre alberi, di cui il prodiero a vele quadre e gli altri a vele latine, con bompresso e fiocchi. 

leggi

velaccino

s.m. (mar.) nei bastimenti a vele quadre, la seconda vela dall'alto dell'albero di trinchetto; anche, il relativo pennone e il tronco dell'albero che porta tale pennone. 

leggi

velaccio

s.m. (mar.) nei velieri a vele quadre, ognuna delle vele poste sopra la gabbia, con il rispettivo pennone. 

leggi

velada

s.f. (region.) abito maschile da cerimonia, nero a falde lunghe e strette, in voga a venezia nel sec. xviii; finanziera. 

leggi

velaio

s.m. (mar.) operaio specializzato nel taglio, nella manifattura e nella riparazione delle vele. 

leggi

velame

s.m. (lett.) (1) ciò che vela; velo: quand'io feci 'l mal sonno / che del futuro mi squarciò 'l velame (dante inf. xxxiii, 26-27) (2) (fig.) ciò che nasconde qualcosa; apparenza sotto cui si cela qualcosa: mirate la dottrina che s'asconde / sotto 'l velame de li versi strani (dante inf. ix, 62-63). 

leggi

velame

s.m. insieme delle vele di un'imbarcazione: ridurre , aumentare il velame.  

leggi

velamento

s.m. (non com.) il velare, il coprire con un velo. 

leggi

Sitemap