parato

(1)

s.m.

1.  drappo, cortinaggio: i parati dell'altare

2.  (spec. pl.) rivestimento per pareti in tessuto o carta: un negozio di parati ; carta da parati

3.  (mar.) ciascuna delle travi di legno disposte trasversalmente sopra lo scafo a sostenere il piano di varo di una nave.

parato (2)

part. pass. di parare agg.

1.  nei sign. del verbo

2.  (ant.) preparato; pronto, disposto: l'esercito era parato alla battaglia | mal parato , in cattive condizioni; ridotto a mal partito.

paratoia

s.f. portello mobile di legno o d'acciaio che permette di regolare il flusso delle acque in un canale. 

leggi

paratore

s.m. (non com.) chi addobba chiese o edifici pubblici. 

leggi

paratormone

s.m. (biol.) ormone di natura proteica, prodotto dalle paratiroidi, che regola il metabolismo del calcio e dei fosfati. 

leggi

appuntata

s.f.  (1) cucitura provvisoria, fatta alla svelta (2) nella scherma, stoccata di rimessa vibrata a un avversario che, avendo parato un attacco, indugi nel rispondere. 

leggi

parare

v. tr.  (1) ornare, rivestire di paramenti: parare la chiesa a lutto | (ant.) preparare, apparecchiare, apprestare: parare il convito  (2) difendere da qualcosa o da qualcuno che rechi danno o molestia; riparare: parare gli occhi dalla troppa luce  (3) deviare, evitare, schivare: parare il colpo ; parare le mosse avversarie | nel calcio e in altri sport, bloccare, fermare la palla tirata da un avversario, detto del portiere (anche assol.): parare un tiro , il pallone ; parare in...

leggi

par avion

loc. avv. per via aerea; si usa nella stampigliatura della corrispondenza spedita per via aerea. 

leggi

par condicio

loc. sost. f. (dir.) parità di trattamento o di condizione giuridica | nell'uso politico, parità di accesso ai mezzi di comunicazione di massa garantito a tutte le forze politiche. 

leggi

para

s.f. (antiq.) gomma naturale ottenuta per affumicamento del latice di hevea | (estens.) gomma naturale di prima qualità: scarpe con suola di para.  

leggi

para-

primo elemento di parole composte di origine greca o di formazione moderna, dal gr. pará 'presso, accanto, oltre'; può indicare vicinanza, somiglianza, affinità o deviazione, alterazione, contrapposizione (paramilitare , paranormale); in chimica compare nei composti derivati dal benzene per sostituzione di due atomi di idrogeno dell'anello benzenico quando gli atomi sostituiti sono distanziati fra loro da altri due (paraldeide). 

leggi

para-

primo elemento di parole composte, tratto da parare ; indica riparo, protezione rispetto a ciò che è espresso nel secondo elemento (paracadute , parafango). 

leggi

parabancario

agg. si dice di attività di intermediazione finanziaria diversa da quella svolta tradizionalmente dalle banche, come il factoring, il leasing, i fondi d'investimento s.m. il settore delle attività parabancarie. 

leggi

parabasi

ant. parabase , s.f. nella commedia attica antica, pausa dell'azione durante la quale il coro, avanzando sulla scena e rivolgendosi al pubblico, esprimeva le idee politiche ed estetiche del poeta. 

leggi

parabellum

(1) agg. invar. si dice di tipo di pistola automatica di fabbricazione tedesca; anche, di un tipo di fucile mitragliatore a caricatore circolare che era fabbricato nell'ex unione sovietica | di un tipo di munizione per arma da fuoco portatile, di calibro (2) mm. 

leggi

parabile

agg. che si può parare: tiro parabile.  

leggi

parabola

s.f.  (1) (mat.) curva algebrica ottenuta sezionando un cono mediante un piano parallelo a una sua generatrice | conica che rappresenta il luogo dei punti equidistanti da un punto fisso (fuoco) e da una retta fissa (direttrice) | parabola di un proiettile , di un pallone , la traiettoria descritta in aria dal punto di partenza a quello di arrivo (2) (fig.) andamento di un fenomeno, un evento e sim., che dopo avere raggiunto il culmine incomincia a declinare: la civiltà romana toccò il...

leggi

Sitemap