versamento

s.m.

1.  il versare, il versarsi, l'essere versato

2.  (comm.) consegna, corresponsione di una somma di denaro: il versamento della rata ; effettuare un versamento in banca | la somma stessa versata: un forte , un consistente versamento

3.  (med.) raccolta di liquido in una cavità dell'organismo: versamento pleurico.

emartro

s.m. (med.) versamento di sangue in una articolazione. 

leggi

ascitico

agg. [pl. m. -ci] (med.) relativo ad ascite: liquido , versamento ascitico.  

leggi

essudato

s.m. (med.) il versamento che si produce per essudazione: essudato sieroso , catarrale.  

leggi

autoliquidazione

s.f. versamento effettuato dal contribuente, come acconto, di parte dell'imposta da versare mediante autotassazione. 

leggi

egofonia

s.f. (med.) suono caratteristico, che ricorda il belato di una capra, percepibile all'auscultazione di un paziente affetto da versamento pleurico. 

leggi

distinta

s.f. nota analitica; elenco, lista: distinta dei prezzi | distinta di versamento , elenco dei valori che si versano a un cassiere con indicazione delle specie e delle quantità. 

leggi

autotassazione

s.f. versamento da parte del contribuente dell'imposta dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, detratto l'importo già versato a titolo di acconto mediante autoliquidazione. 

leggi

versaccio

s.m.  (1) pegg. di verson 1 (2) smorfia accompagnata da sguaiate emissioni vocali, fatta per disgusto di qualcosa o come segno di disprezzo verso qualcuno: fare versacci.  

leggi

versaiolo

s.m. (spreg.) poeta scadente | usato anche come agg. : poeta versaiolo.  

leggi

versante

part. pres. di versare s.m. (comm.) chi effettua un versamento di denaro: il modulo va firmato dal versante.  

leggi

versante

s.m. ciascuno dei fianchi di un monte o di una catena montuosa rispetto alla linea di displuvio: il versante orientale del cervino ; scalare il versante nord | sul versante di , (fig.) relativamente a, per quanto riguarda: sul versante politico la situazione si presenta tranquilla.  

leggi

versare

v. tr. [io vèrso ecc.] (1) far uscire un liquido o un materiale incoerente dal recipiente in cui è contenuto, immettendolo in un altro, o gettandolo, spargendolo, facendolo cadere su qualcosa: versare il vino nei bicchieri ; versare acqua sul fuoco ; versare la farina dal sacco ; versare la minestra nei piatti ; versare il caffè , il sale sulla tovaglia | versare da bere , mescere una bevanda | versare lacrime , piangere | versare il sangue per qualcosa , per qualcuno , (fig.) venire...

leggi

versatile

agg.  (1) (ant. , lett.) girevole: le fanti dai cinti vermigli / intente... a torcere i lor fusi / versatili (d'annunzio) | (fig.) instabile, incostante (2) (fig.) che ha attitudini molteplici; che nutre e coltiva interessi diversi: un uomo , una mente versatile.  

leggi

versatilità

s.f. l'essere versatile, di carattere versatile: versatilità d'ingegno.  

leggi

versato

part. pass. di versare agg. nei sign. del verbo | che ha inclinazione naturale per una disciplina, un'attività e riesce a svolgerla con facilità per estens., esperto, dotto: essere versato negli studi scientifici.  

leggi

verseggiabile

agg. (non com.) che può essere verseggiato, messo in versi: una materia difficilmente verseggiabile.  

leggi

verseggiamento

s.m. (ant.) verseggiatura. 

leggi

Sitemap