el

(1)

vedi il 1.

el (2)

pron. pers. m. di terza persona sing. (ant. o dial.) egli.

elaborare

v. tr. [io elàboro (rar. alla lat. elabóro) ecc.] (1) fare qualcosa con grande cura, estraendo o sviluppando con sistematicità e precisione quanto è insito negli elementi dai quali si parte: elaborare un progetto , un piano | raccogliere e ordinare dati di varia natura in modo da ricavarne, mediante procedimenti di calcolo più o meno complessi, determinate informazioni: elaborare i risultati di un'inchiesta ; il computer elabora i dati  (2) digerire: lo stomaco elabora i cibi...

leggi

elaboratezza

s.f. (non com.) qualità di ciò che è elaborato: uno stile che pecca di eccessiva elaboratezza.  

leggi

elaborato

part. pass. di elaborare agg. fatto con grande cura (talora anche eccessiva): discorso , scritto elaborato s.m.  (1) ciò che risulta da una elaborazione (2) nel linguaggio scolastico, compito scritto: correggere gli elaborati d'italiano  (3) (inform.) tabulato § elaboratamente avv.  

leggi

elaboratore

agg. [f. -trice] che elabora s.m.  (1) chi elabora (2) organo, strumento che elabora | elaboratore (elettronico) , apparecchio elettronico di tipo digitale usato per analizzare e trattare dati in maniera automatica e in tempi brevissimi; computer. 

leggi

elaborazione

s.f.  (1) l'elaborare | elaborazione elettronica dei dati , sistema di analisi e di trattamento di dati che si effettua con macchine elettroniche funzionanti ad altissima velocità sulla base di un programma predisposto; è spesso indicata anche con la sigla ingl. edp  (2) (rar.) elaborato. 

leggi

elabro

s.m. elleboro. 

leggi

elafe

s.m. (zool.) genere di serpenti innocui comprendente numerose specie (ord. squamati). 

leggi

elaidico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) lo stesso che elaidinico.  

leggi

elaidina

s.f. (chim.) gliceride dell'acido elaidinico; è un isomero dell'oleina e si trova in alcuni tipi di olio (p. e. in quello di pesce). 

leggi

elaidinico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) si dice di un acido monocarbossilico alifatico insaturo, isomero dell'acido oleico, da cui deriva per elaidinizzazione. 

leggi

Sitemap